Crea sito

Pedrosa, l’uomo 100% Honda

A quanto pare Dani Pedrosa per HRC è il pilota perfetto, quello che non da mai problemi alla squadra e non intralcia i lavori del compagno ed i suoi sogni di gloria. Senza fare tanti giri di parole, in 11 stagioni nella classe regina Pedrosa ha collezionato tanti bei risultati, ma ha spesso visto festeggiare l’altra metà del box.

dani

La carriera nel Motomondiale iniziò nel “lontano” 2001 e per 3 anni lo spagnolo restò in 125, poi, con in tasca un mondiale vinto, passò in 250. Nelle due stagioni trascorse nella classe intermedia si portò a casa entrambe le volte il titolo di Campione del Mondo, cosa che convinse la Honda a fargli fare il salto in MotoGP. Non è carino dire che probabilmente da lui ci si aspettava qualcosa di più, perché alla fine tante soddisfazioni lui le ha avute, tante bellissime gare e bellissime vittorie, ma quel titolo iridato non è mai arrivato e un po’ di delusione c’è.

Il fisico del pilota di Sabadell non aiuta e le numerose cadute e fratture nemmeno. Nel corso degli anni è stato costretto a rinunciare a non pochi appuntamenti per operazioni e convalescenze. Nel 2015, dopo aver partecipato alla prima gara stagionale, decise di operarsi per risolvere la sindrome compartimentale all’avambraccio destro che si portava dietro da un po’ e saltò 3 gare, poi rientrò e pian piano tornò competitivo.

La passata stagione è trascorsa tra alti e bassi. I podi raggiunti sono stati 3: il primo fu quello del GP d’Argentina, il secondo quello del GP di Catalunya e il terzo, il più bello dei 3, fu il primo posto al GP di San Marino, dove partì ottavo e recuperò posizioni fino ad ottenere la vittoria. Solamente due gare dopo arrivò l’ennesima batosta. Nel corso delle FP2 del GP del Giappone, a causa di una caduta, Pedrosa si ruppe la clavicola destra e tornò in Spagna per farsi operare. Aoyama corse al suo posto, mentre in Australia venne sostituito da Nicky Hayden, poi in Malesia nuovamente da Aoyama. Pedrosa concluse il 2016 al sesto posto con 155 punti, il suo peggior risultato da quando corre in MotoGP. Aggiungiamoci pure che Marc Marquez, suo team-mate, ha vinto facilmente il titolo senza intoppi.

Nel 2017 Dani sarà nuovamente in sella alla sua Honda (da quando ha cominciato nel Motomondiale non ha mai avuto altre moto) a fianco di Marquez. Negli altri top team ci saranno dei cambiamenti per quanto riguarda i piloti, in HRC invece rimarrà tutto com’è e questo ci riporta a pensare che, secondo la squadra, la perfezione sia vicina. Pedrosa però dovrà rimboccarsi le maniche e non dovrà accontentarsi, mai.

photo: Getty Images

Comments

comments

Elisa Ceschin

Author: Elisa Ceschin

Share This Post On